Author: Katrin PoeMg

Ultimo e poi vado

Al seguente indirizzo solo ritroverete tutti gli articoli che qui avete apprezzato, sto finendo di caricarli e nei prossimi giorni saranno disponibili, ma tra poche settimane arriveranno anche le mie light novel, i miei racconti da brivido e tanto altro

Vi butto lì in link

https://victoriablake.altervista.org/

Ci vediamo dall’altra parte

Addio……Arrivederci

Come tutte le avventure questa non termina qui ma cambia solo di località….

Presto vi comunicherò dove

Grazie a tutti del supporto

Ci becchiamo in giro

A presto!

Egoismo

Non pensavo davvero che avere un figlio significasse riempirlo di debiti che non potrà mai pagare.

Figlio

No, ci vorrebbe un mondo ed una situazione migliore, al momento il primo è impegnato a salvarsi la vita da noi umani, mentre nel secondo caso, no potrei mai permettere a lei di avvelenarti ancor prima di nascere, una madre fa anche questo perché anche il solo pensiero, di farti provare anche solo un pulviscolo di quello che soffro ogni giorno, mi fa star male.

Ti difenderò da lei, da loro da chiunque voglia approfittare di te, ciò che non hanno mai fatto con me.

Ti difenderò.

Famiglia…

Se fossi orfana, o se mi avessero abbandonata avrei la certezza di non poter chiedere aiuto a nessuno.

In un certo senso é come se lo fossi, avrei dovuto imparare la lezione tanto tempo fa.

Non c’è rimedio

Solo un’infinità sensazione di solitudine mista a impotenza, dettata da un dovere verso qualcosa di intangibile.

Insieme a tutti i debiti che ho, perché sono servita solo a questo.

Se dovete fare figli perché vi debbono servire non fateli non siamo servi, non siamo nomi da mettere sulle cambiali, non siamo prestanome, non siamo un nome da poter usare come preferite, siamo persone con il diritto di avere una vita, questo a me è stato negato.

E io non potevo, non posso e non potrò chiedere aiuto a nessuno.

Priorità reali

I sognatori sono i veri salvatori del mondo

Peccato che con i sogni a volte non ci paghi nulla

Ma si riesce a salvare almeno l’anima

Estranei

Viviamo in tempi incerti, veloci in cui L’empatia per il prossimo viene sempre meno, voglio capire nei confronti di uno sconosciuto, ma non capirò mai il bisogno di distruggere la vita dei propri figli, da dove nasce.

L’uomo nero

Ma la coscienza di un genitore nel mettere a rischio suo figlio dove sta, quale scusa danno a loro stessi giustificando il male che fanno a coloro che un tempo cullavano tra le loro braccia.